Viviana Parisi, analisi tablet e telefono: nuovi elementi per le indagini

viviana parisi indagini telefono

Emergono nuovi elementi dalle analisi effettuate sui dispositivi elettronici utilizzati da Viviana Parisi 

Il caso di Viviana Parisi presenta nuovi elementi importanti. Messaggistica Facebook, Whatsapp e Instagram, cronologia delle ricerche internet: sono tutti i dati estratti dal cellulare di Viviana Parisi, congelati e analizzati. Domani si effettuerà in procura un primo confronto su ciò che è emerso dall’esame informatico. “Quanto è stato ricavato sarà utile a imprimere una direzione alle indagini sulla morte di Viviana Parisi e il piccolo Gioele”, dice a Fanpage.it, l’ingegnere Roberto Consalvi, il perito incaricato della perizia che ha avuto l’incarico di estrarre il materiale. “Il lavoro – chiarisce – è solo all’inizio: domani chiederò l’incarico per un supplemento d’indagine per acquisire altri elementi. Ciò che abbiamo non è sufficiente”. Il perito precisa, infatti, che non si hanno ancora tutti gli elementi utili per una valutazione completa.

LEGGI ANCHE-> Maria Paola Gaglione morta per relazione Lgbt, il fratello: “Volevo solo farla ragionare”

L’autopsia psicologica di Massimo Picozzi

Gioele e la mamma Viviana Parisi
Gioele e la mamma Viviana Parisi (foto dal web)

I dati ricavati dall’analisi, quali messaggi, ricerche anche le foto e i video ottenuti passeranno direttamente al vaglio dello psichiatra e criminologo Massimo Picozzi, perito incaricato dalla procura di Patti per l’autopsia psicologica della dj. Il fine è quello di fotografare lo stato mentale ed emotivo della donna nei giorni che hanno preceduto il 3 agosto, per comprendere le condizioni psicologiche di Viviana quando questa tragedia ha avuto inizio, quando è salita sull’auto con il figlio Gioele verso una meta sconosciuta, dopo aver detto al marito che sarebbe andata al centro commerciale di Milazzo. “Il primo punto da chiarire è proprio questo, capire a che scopo la signora abbia mentito per allontanarsi da casa e dove fosse diretta. Il secondo è stabilire cosa è successo da Sant’Agata di Militello e perché si trovasse sulla autostrada verso Palermo”.

LEGGI ANCHE-> Tredicenne morto per un bagno al lago: vittima di un’ameba

 

 

 

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!