Usa, Lebron James sul caso Jacob Blake: “In America siamo terrorizzati”

Lebron James su Jacob Blake

La star del basket Lebron James esprime rammarico e sdegno sul caso del 29enne colpito da sette colpi di pistola e rimasto paralizzato dalla vita in giù
L’urlo del popolo afroamericano, che ha suscitato maggior attenzione dalla morte di George Floyd, pare non abbia fine. Da quel momento, infatti, si sono registrati altri casi di abuso di potere della polizia americana finiti in tragedia.
LEGGI ANCHE -> Leghisti insultano Lucia Azzolina: “Provo molta pena”, replica la Ministra

Le parole di Lebron James sulla vicenda

Lebron James su Jacob Blake, il momento dello sparo
Lebron James su Jacob Blake, il momento dello sparo (foto dal web)

“So che ci sono persone stufe di sentirlo dire, ma come persone nere in America siamo terrorizzati. Lo ha affermato la star del basket Lebron James sul caso Jacob Blake, il 29enne afroamericano a cui un poliziotto di Kenosha, nel Wisconsin, ha sparato sette colpi alla schiena. “Se dite che non c’era modo di bloccarlo prima di sparare mi state mentendo”, ha aggiunto. L’episodio ha ovviamente riacceso le proteste del movimento Black Lives Matter, che pare non possano avere mai fine. Da quel momento, infatti, si sono susseguiti episodi che, purtroppo, nel contesto americano si verificavano anche prima, solo che non avevano mai avuto l’attenzione che stanno avendo da qualche mese. Lebron James, riferendosi al video che inchioda l’agente, sottolinea: “Se guardate il video, ci sono molti momenti in cui se avessero voluto avrebbero potuto bloccarlo senza usare le armi. Perché bisogna sempre arrivare a un punto in cui si spara?”

Jacob Blake rimasto paralizzato dalla vita in giù

Jacob Blake
Jacob Blake (foto dal web)

Il padre Jacob Blake ha rivelato che suo figlio è rimasto paralizzato dalla vita in giù e ha “otto buchi” sul corpo a causa dei colpi di pistola sparati dall’agente. I medici non sanno attualmente se la paralisi sarà permanente. L’ennesimo dramma ha subito innescato nuove ondate di proteste in numerose altre città americane, contro gli abusi ai danni delle minoranze etniche, e domande di giustizia. Il Wisconsin ha dichiarato lo stato dʼemergenza. 
LEGGI ANCHE -> Google lancia la sua università: corsi a basso costo e laurea in sei mesi

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!