Ucciso don Roberto Malgesini, shock tra i senzatetto di Como

Don Roberto Malgesini ucciso

Don Roberto Malgesini ucciso a coltellate da un senzatetto con problemi psichici

La comunità dei senzatetto legata alla parrocchia di San Bartolomeo a Como è sconvolta dall‘omicidio di don Roberto Malgesini, prete degli ultimi. L’uomo di cinquantuno anni originario della Valtellina, colpito da diverse coltellate, è stato ritrovato in una pozza di sangue. I soccorsi non hanno potuto fare niente e ne hanno subito dichiarato il decesso. L’omicida, un senzatetto straniero con problemi psichici che don Roberto conosceva e assisteva, si è recato a piedi alla caserma dei Carabinieri per costituirsi. Secondo le prime ricostruzioni il clochard lo avrebbe aspettato sotto casa sua. Il prete, al momento della morte, stava andando a distribuire la colazione ai senzatetto della comunità e nella sua Panda grigia aveva tutto il necessario. Il corpo è stato ritrovato a circa 20 metri dall’auto, vicino all’arma del delitto. Non risulta che i due avessero mai avuto discussioni in passato e sono ancora da chiarire le ragioni dell’omicidio.

LEGGI ANCHE-> Catturato Johnny lo Zingaro, assassino evaso il 6 Settembre

La comunità ricorda don Roberto Malgesini, prete degli ultimi

Don Roberto Malgesini ucciso
Il luogo del ritrovamento del cadavere di don Malgesini (foto dal web)

Per il direttore della Caritas don Roberto Bernasconi, don Malgesini era consapevole dei rischi che correva quando due anni fa aveva iniziato la sua missione di assistenza ai poveri e agli immigrati. Si occupava di distribuire pasti, serviva al dormitorio e alla mensa. La folla delle persone che aiutava si è radunata davanti alla parrocchia di San Rocco. “Dov’è il don? No, non può essere lui“, ha esclamato qualcuno tra i fedeli, distrutti dal dolore. Sul posto, appena saputa la notizia, è arrivato anche il vescovo di Como Oscar Cantoni, che ha benedetto la salma prima che fosse portata via e ha annunciato che la diocesi si stringe in preghiera per “Il prete don Roberto e per chi l’ha colpito”.

LEGGI ANCHE-> Tredicenne morto per un bagno al lago: vittima di un’ameba

 

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!