Il ritorno del rock alternativo dei Maimale, la “band di confine”

maimale

Maimale è il nome della prima canzone del 2002 della band omonima.

maimale

Nel 2002 a Imola è nata un’amicizia tra il cantante Michele D’Agostino e il chitarrista Michele Gaietta. Da una prima formazione dei Maimale, durata fino al 2003, con alcuni ragazzi di una zona diversa da quella della band attuale, si è poi creata nel 2004 la formazione attuale con i membri fondatori Michele D’Agostino e Michele Gaietta, a cui si sono aggiunti Simone Zambelli (chitarra) Riccardo Bertotti (batterista) e Luca Devecchi (basso) e poi successivamente si è aggregato il tastierista, Giuseppe. A luglio dell’anno scorso si sono riuniti e dovevano esibirsi live a partire da marzo ma a causa dell’emergenza del Covid 19 sono fermi, pur continuando a lavorare, scrivere e confrontarsi da casa. Sono rimasti fermi tutti dal 2010/2011, tranne Giuseppe che ha continuato a suonare in altri gruppi e Simone e Riccardo hanno proseguito con un’altra band. A luglio dell’anno scorso hanno deciso di ripartire dalla formazione originale con il vincolo di essere sempre gli stessi. All’inizio erano arrugginiti ma adesso sono pronti per i live.

In questo periodo di quarantena avete prodotto canzoni?

“Abbiamo messo su Youtube un brano, ‘Brutta giornata’ che ci sembrava consono per il momento attuale. L’obiettivo è che quando ricominceremo a suonare avremo già dei pezzi da fare in sala prove. Abbiamo fatto una riscrittura dei brani vecchi e scritto canzoni nuove”.

Avevate una certa notorietà all’epoca…

“Al Rolling Stones abbiamo suonato prima dei Baustelle con il locale pieno. Prima non c’erano i Social ma il passaparola. Se ci fossero stati avremmo organizzato qualcosa di più grande. La risposta è comunque stata positiva. La gente ci ascoltava e i pezzi giravano nella nostra zona. Abbiamo avuto un riscontro che ci ha spinto a riunirci nuovamente”. 

Quando eravate agli inizi, le radio della vostra zona trasmettevano le vostre canzoni?

“Sì, sicuramente Radio City Vercelli e anche Radio Vigevano ultimamente le ha passate. È girato più il primo album ‘La mia realtà’ che il secondo, “Plastica nascosta’ , perché facevamo molte date girando varie zone d’Italia anche del sud. Abbiamo prodotto due dischi ufficiali e una demo di due brani”.

A chi vi ispirate?

“Ci siamo conosciuti andando a concerti di rock alternativo italiano come i Subsonica, Bluvertigo, Marlene Kuntz, Baustelle. Ora non siamo più settorializzati su un solo tipo di influenza, il campo da gioco è sempre quello ma abbiamo una visione più ampia”. 

Chi di voi scrive le canzoni?

“Alcuni pezzi iniziali sono stati scritti da Michele D’Agostino e da me (Michele Gaietta -ndr-). Adesso invece, essendo una ripartenza, tutti contribuiamo a scrivere i nostri pezzi”.

Quali sono i prossimi progetti?

“Entro l’anno vogliamo provare a far uscire un album. Anche se nella forma si sta andando verso la pubblicazione delle singole canzoni. Faremo poi altri live”.

Che vuol dire il nome Maimale?

“Maimale è un marchio su tutta la nostra produzione e su quello che facciamo. È un modo per vedere le difficoltà e il lato B di un mondo che ci vuole troppo spesso spensierati, senza però cadere nella depressione. Siamo una band di confine, dai contorni né troppo chiari, né troppo scuri”. 

Qual è il sogno più grande dei Maimale?

“Speriamo di fare presto una bella data live che vorrebbe dire aver sconfitto tutta questa assurda emergenza sanitaria che stiamo vivendo da settimane”.

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!