Revenge porn, Salerno: 17enne tappezza il paese con foto della ex 13enne

Revenge porn Salerno 17enne

Dopo l’accusa di Revenge porn il ragazzo è ora stato collocato in comunità. Durante la perquisizione informatica presso l’abitazione del 17enne, sequestrato materiale pedopornografico. La motivazione dell’accaduto sarebbe di “abietta gelosia”.

Accade nel salernitano, in un paese della provincia: un 17enne decide di tappezzare i muri del piccolo centro con immagini sessualmente esplicite della ex fidanzata, di soli 13 anni, accompagnate da un’offerta di prestazioni sessuali a pagamento. La Polizia Postale e la Sezione di Polizia Giudiziaria hanno provveduto collocando il giovane in una comunità, su richiesta del procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei minori di Salerno.

È stato inoltre effettuato, una perquisizione presso l’abitazione del 17enne. A occuparsene è stato il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Campania. L’esito della perquisizione ha portato al sequestro di materiale pedopornografico

La motivazione che avrebbe spinto il ragazzo a compiere un gesto così vile nei confronti della ragazzina sarebbe scaturita da una “abietta gelosia” e un “chiaro intento di umiliare e svergognare la ex fidanzata tredicenne”.

LEGGI ANCHE -> Maestra arrestata: insulti e percosse a bambini di scuola materna

Una sentenza simbolica

donne revenge porn
scritta “for women” su muro (foto Unsplash)

L’emissione della sentenza da parte del tribunale dei minori è avvenuta l’8 marzo, giornata simbolo e dedicata alla donna a livello internazionale.
Un gesto simbolico, che intende dare speranza riguardo al fatto che accaduti così sbagliati possano un giorno non avvenire più. Il revenge porn è, infatti, l’atto secondo cui vengono diffuse foto o video in atteggiamenti intimi del partner o ex partner, senza il consenso di quest’ultimo. I motivi sarebbero principalmente di vendetta. Ricordiamo, quindi, l’importanza di denunciare tali avvenimenti, e auspichiamo una maggiore educazione in merito al tema della sessualità. Tema che, tra i giovani e con l‘impero del digitale, sembra star diventando sempre più spinoso.

La Polizia Postale, a questo proposito, compie un invito all’attenzione e alla prudenza nei confronti di questo tipo di contenuti e alla protezione dei nostri dati online.

LEGGI ANCHE -> Il lockdown non ferma le baby gang: spaventosa aggressione a Torino

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!