Omicidio Willy, isolamento per i fratelli Bianchi dopo aggressione a un detenuto

Fratelli Bianchi

Necessarie misure di isolamento per i fratelli Bianchi, aggressione ad un detenuto all’interno de carcere di Rebibbia

I responsabili della morte di Willy Monteiro Duarte, I fratelli Marco e Gabriele Bianchi, accusati di omicidio volontario si trovavano già in carcere a Rebibbia. I due erano all’interno del reparto anti-Covid ma si è reso necessario per loro il trasferimento alle celle di isolamento. Si trovano ora nel cosiddetto “Braccio G9“, un reparto speciale nel quale vengono detenuti coloro che sono responsabili di violenze sessuali o appartenenti alle forze dell’ordine che hanno commesso abusi di potere. Il braccio G9 è anche chiamato dagli altri detenuti il reparto “degli infami“, perchè destinato anche a pentiti e collaboratori di giustizia, tutte categorie particolarmente sgradite agli altri ospiti del carcere. Coloro che si trovano al suo interno infatti, rischiano ogni momento percosse e linciaggi durante le uscite per condividere gli spazi comuni.  Ora i due fratelli dal carcere hanno paura di ritorsioni ed evitano i contatti con gli altri, saranno costantemente monitorati dalle guardie carcerarie e sarà loro concessa l’ora d’aria in momenti differenti da quelli degli altri carcerati.

Nonostante le misure di isolamento però ci sarebbe già un’accusa di aggressione nei loro confronti, per un episodio avvenuto proprio nel  reparto e durante un momento di libertà all’interno di Rebibbia durante il quale i carcerati possono incontrarsi. Secondo la figlia di un detenuto i due avrebbero aggredito e insultato violentemente il padre mentre si stavano recando ai parlatori. Una rissa avvenuta all’interno del carcere che conferma il temperamento violento dei due ragazzi e che ha così costretto gli agenti ad isolarli totalmente. L’accusa è stata riportata anche dall’associazione “Detenuti liberi” alla quale avrebbe scritto la figlia del detenuto marocchino denunciando le violenze.

LEGGI ANCHE -> Morte Willy, altro processo per lesioni a carico dei fratelli Bianchi

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!