Omicidio-suicidio a Portici: uccide la compagna e poi si getta dal balcone

omicidio-suidicio portici

Omicidio-suicidio a Portici, nella provincia di Napoli dove un uomo di 65 anni dopo aver accoltellato la compagna 58enne si è tolto la vita

La sera del 27 luglio la tragedia dell’omicidio-suicidio di Portici, città nella provincia di Napoli,  si aggiunge ai numerosi casi di femminicidio sparsi per tutta la penisola. Protagonista Giovanni Fabbrocino, 65enne disoccupato, reo di aver brutalmente ucciso a coltellate la compagna di 58 anni Maria Adalgisa Nicolai, stimata ricercatrice di Scienze e Tecnologie Alimentari all’Università Federico II di Napoli.
Subito dopo l’omicidio l’uomo si è tolto la vita gettandosi dalla finestra dell’appartamento in cui vivevano morendo sul colpo.

I primi elementi sulla dinamica del caso

maria adalgisa nicolai
maria adalgisa nicolai vittima dell’omicidio-suicidio di Portici (foto dal web)

L’omicidio si è consumato nell’appartamento della coppia, al civico 216 di via Libertà, nel centro di Portici. È qui che il corpo della donna, colpito da numerose ferite da arma da taglio viene rinvenuto ormai privo di vita.

Nel pomeriggio, alcuni testimoni avrebbero sentito la coppia litigare anche se nessuno avrebbe potuto presagire un epilogo tanto mostruoso. Poi intorno alle 20 le forze dell’ordine sono state allertate dai vicini spaventati dalle urla sempre più insistenti.
Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti l’uomo avrebbe prima tramortito la donna con un martello o un oggetto contundente per poi ucciderla con feroci coltellate all’addome e alla pancia. Fabbrocino avrebbe poi aperto il torace della donna con un coltello da cucina asportando intenzionalmente dei pezzi di organi.

Solo qualche minuto dopo avrebbe deciso di uccidersi buttandosi dalla finestra dell’appartamento e morendo sul colpo.
Il fatto che l’uomo fosse incensurato aumenta, se possibile, la sensazione di inquietudine e turbamento che questo episodio suscita, soprattutto per l’estrema violenza con cui è avvenuto. Sarà compito degli inquirenti risalire ai motivi che hanno spinto l’uomo a compiere l’insano gesto di quello che al momento vede morire per l’ennesima volta una donna per mano del suo compagno.

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!