Neonata morta a Roccapiemonte, secondo l’autopsia era ancora viva

Neonata Roccapiemonte

Stando alle prime indicazioni fornite dall’autopsia, il pm Lenza conferma la sua prima ipotesi: la neonata, morta nel comune di Roccapiemonte (SA), era ancora viva dopo il parto

Pochi giorni fa, nel comune di Roccapiemonte, in provincia di Salerno, una neonata era stata scaraventata fuori dalla finestra di un’abitazione, a poche ore dal parto. Sull’increscioso evento sta indagando la Procura di Nocera, che fin da subito ha imposto il fermo ai due genitori, Massimo Tufano e Margherita Galasso, rispettivamente di 47 e 41 anni. Le indicazioni fornite da una prima autopsia sembrano confermare l’ipotesi del pm Roberto Lenza: la bimba sarebbe nata viva e, solo successivamente, è stata gettata dalla finestra del bagno, al secondo piano.

LEGGI ANCHE-> Neonata morta nell’aiuola: è stata lanciata dalla finestra

Le indagini dell’autopsia non hanno dubbi: era ancora viva

neonata morta
neonata morta (foto dal web)

Nonostante occorra attendere almeno 60 giorni per avere indicazioni più sicure, l’autopsia condotta nel pomeriggio di ieri da Giuseppe Consalvo parla chiaro: la piccola, dopo il parto, era ancora viva. Le cause della morte, di conseguenza, risalirebbero al lancio effettuato dalla finestra della casa, da parte di uno dei due genitori: le indagini propendono verso l’ipotesi che ad ucciderla sia stato il padre, date le condizioni della madre subito dopo averla data alla luce. Il corpicino è stato rinvenuto intorno alle 18 dello scorso mercoledì, all’interno di un’aiuola: la bambina riportava una ferita alla testa e delle tracce di sangue, il tutto riconducibile al brutale gesto.
Accanto al suo cadavere, un ramo spezzato: questo, secondo la Procura, sarebbe una testimonianza della violenza subita.
I genitori saranno interrogati in mattinata, per decidere la convalida o meno del fermo.

LEGGI ANCHE-> Donna scomparsa trovata morta in un pozzo, fermato un sospettato 

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!