Istat, le conseguenze del Covid sull’occupazione: tutti i dati degli ultimi mesi

Istat dati occupazione

L’Istat ha diffuso un rapporto sugli effetti dell’emergenza Covid sull’occupazione in Italia. La relazione riguarda le conseguenze riscontrate negli ultimi mesi 

L’Istat ha pubblicato il suo rapporto sull’andamento dell’occupazione in Italia da quando è scoppiata l’emergenza Covid 19. Si è riscontrato che “da febbraio 2020 il livello dell’occupazione è sceso di 500 mila unità, mentre le persone in cerca di lavoro sono cresciute di circa 50 mila“. Questo è il dato a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 400 mila unità. Negli ultimi quattro mesi il tasso di occupazione perde un punto, mentre quello di disoccupazione arriva sopra i livelli di febbraio. I dati si riferiscono alle rilevazioni di luglio. L’Istat ha registrato un calo considerevole dei lavoratori a termine. Diversamente accade per i lavoratori permanenti, tutelati anche dal blocco dei licenziamenti per il Covid-19. Questi ultimi sono cresciuti dell’1,2% (+181 mila). Aumentano sempre di più nel mese di luglio le persone in cerca di lavoro. Il tasso di disoccupazione sale al 9,7%. Ma da luglio in poi qualcosa sembra muoversi. Dopo quattro mesi di flessioni l’occupazione “torna a crescere”. L’Istat registra un aumento su base mensile (+0,4%, pari a +85mila unità). Questo dato si riferisce soprattutto alle donne (+0,8% pari a +80mila), ma anche ai dipendenti (+0,8% pari a +145mila) e alle altri classi d’età, ad eccezione della fascia 25-34 anni.

LEGGI ANCHE -> Decreto Agosto: tutti i bonus Covid per i lavoratori

Istat, disoccupazione giovanile in aumento

ista dati occupazione
Giovani a lavoro (Pixabay)

Secondo il rapporto dell’Istat però un dato resta negativo. La disoccupazione giovanile torna sopra il 30% nel mese di luglio. Il picco si tocca per la prima volta dopo oltre un anno (aprile 2019). Il dato si attesta al 31,1% per la fascia di età 15-24 anni. “Su base annua la disoccupazione cresce tra i minori di 35 anni e cala nelle altre classi”, relaziona l’istituto di statistica. Tra i 25 e i 34 anni la disoccupazione è al 15,9%, cioè il triplo di quello nella fascia di età 50-64 anni. Il tasso è in aumento di 0,9 punti nell’ultimo mese e di 1,4 punti nell’ultimo anno.

LEGGI ANCHE -> Apple e Android contro il Covid: contact tracing automatico

 

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!