Il reflusso gastro-esofageo, focus a cura dell’esperto

Il dottor Vincenzo Massari, medico internista e gastroenterologo, spiega cos'è il reflusso gastro-esofageo ed espone consigli per prevenire e curare questa patologia molto comune nel mondo occidentale
Reflusso gastro-esofageo

La malattia da reflusso gastro-esofageo (RGE) comprende uno spettro di malattie, dovuto a eccessivo reflusso di contenuto gastrico nell’esofago. La malattia è la più frequente nel mondo occidentale tra le patologie dell’apparato digerente. Più del 30% dei pazienti soffre di pirosi (bruciore retrosternale) frequentemente e il 10% soffre di pirosi giornalmente.

Il medico sospetta che possa essere presente una malattia da RGE, quando il paziente riferisce sintomi da reflusso, che comprendono  pirosi e rigurgiti (reflusso di contenuto gastrico nella bocca). Quest’ultimi vengono aggravati dopo il consumo di un pasto abbondante e dalla posizione supina. Tipica è anche una salivazione eccessiva.

Le manifestazioni atipiche del reflusso comprendono erosioni dentarie, tosse cronica, raucedine, asma e  dolore toracico non cardiaco. Frequente è anche una sensazione di ripienezza addominale postprandiale.

Anche la presenza di un’ernia dello jato esofageo (si intende la condizione congenita o acquisita quando lo stomaco si impegna per una porzione più o meno cospicua in questo orifizio naturale del diaframma) favorisce l’instaurarsi di una patologia da reflusso.

Come comportarsi quando sono presenti i sintomi tipici del reflusso gastro-esofageo

Reflusso gastro-esofageo
Mal di stomaco (Foto di kindel media da Pexels)

La diagnosi di RGE è clinica, allorquando sono presenti i sintomi tipici della malattia. Una mancata risposta alla terapia (antiacida e/o antirecettoriale)  e il sospetto di complicazioni quali un’esofagite (infiammazione della mucosa) e una disfagia (difficoltà nell’atto della deglutizione) impongono accertamenti radiologici e soprattutto endoscopici, in quanto si possono operare biopsie della mucosa esofagea infiammata.

Quando la diagnosi viene confermata, la terapia va praticata per un lungo periodo di tempo. Viene consigliata anche una dieta ipocalorica e l’assunzione di un’adeguata posizione antireflusso nel riposo notturno.

Reflusso gastro-esofageo
Il Dottor Vincenzo Massari

 

A cura del Dott. Vincenzo Massari – Medico internista e gastroenterologo 

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!