Donati gli organi delle sorelline schiacciate da un albero

sorelline schiacciate albero

La famiglia colpita dalla recente disgrazia a Marina di Massa in Toscana, sarebbe dovuta rientrare sabato ma hanno rinviato di un giorno la partenza a causa del maltempo
La famiglia Larissi decide di sostare nel campeggio una notte in più. La tromba d’aria che ha causato la caduta dell’albero che ha ucciso Jannat e Malak si è scatenata attorno alle 7.00 di mattina. “Mi è passata sopra la testa” afferma Marco Lucetti, presidente di Ageparc Massa Carrara. “Ha colpito solo il Campeggio Verde Mare, lasciando intatti gli altri vicini” continua Lucetti. Nel frattempo sono in corso le verifiche per la sicurezza della struttura, la manutenzione dell’area verde e degli alberi che circondano i campeggi.
LEGGI ANCHE -> «Personale non etero», la recensione omofoba su TripAdvisor

Jannat e Malak, colpite da un albero mentre dormivano

sorelline schiacciate albero
sorelline schiacciate albero (foto dal web)

La tragedia ha colpito la famiglia all’improvviso, quando un pioppo di quattro metri è crollato sopra la tenda dove dormivano Jannat, Malak, il fratello, i genitori e la sorella della madre. Nonostante le manovre di rianimazione sul posto per Janat non c’è stato nulla da fare, avrebbe compiuto 3 anni il prossimo novembre. Malak, di 14 anni, è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Apuane ma a causa delle lesioni di grave entità ha perso la vita. Il sindaco di Marina di Massa, Francesco Persiani, ha disposto il lutto cittadino: “Un simbolico abbraccio e vicinanza per la perdita della famiglia”. Bandiere a mezz’asta, simbolo di cordoglio cittadino, per gli edifici pubblici e il palazzo comunale.  
LEGGI ANCHE -> Ylenia Carrisi, trovato il diario segreto: la frase shock

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

torna su
futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!