Credito spese sanificazione: oggi ultimo giorno per il modello all’Agenzia delle Entrate

credito spese sanificazione (foto dal web)

Oggi, 7 settembre 2020, ultimo giorno per l’invio del modello con relative istruzioni per fruire del credito d’imposta del DL Rilancio (art. 125) riguardante le spese di sanificazione dei luoghi di lavoro e l’acquisto di dispositivi anti-covid

La comunicazione si rivolge ai soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni ed agli enti non commerciali (in cui sono compresi quelli del Terzo settore e i religiosi riconosciuti civilmente). Tale credito si riferisce alle spese di sanificazione di luoghi lavorativi e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, nonché di altri eventuali strumenti che garantiscano la salute sia dei lavoratori che dei dipendenti.

La comunicazione dovrà essere presentata per via telematica all’Agenzia dell’entrate, attraverso gli stessi canali telematici dell’Agenzia o tramite il servizio web disponibile nell’area riservata del sito internet. Entro 5 giorni dalla presentazione, il beneficiario riceverà una ricevuta o l’eventuale rifiuto dell’agenzia, con allegate motivazioni.

LEGGI ANCHE -> Campania, scuole aperte il 24 settembre e test sierologico obbligatorio per il personale: la linea dura di De Luca

Credito Sanificazione: quali spese sono incluse

credito spese sanificazione (foto dal web)
Agenzia delle Entrate (foto dal web)

Si ricorda che il credito sanificazione può essere richiesto in relazione alle spese sostenute per la sanificazione degli ambienti in cui viene esercitata attività lavorativa o istituzionale, compresi gli strumenti che vengono utilizzati al loro interno; l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, vale a dire guanti, mascherine, visiere, tute protettive e altri oggetti che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea; l’acquisto di prodotti detergenti o usati per disinfettare.

E poi ancora l’acquisto di vari altri dispositivi di sicurezza come termometri, termoscanner, vaschette decontaminanti o igienizzanti, ed infine gli strumenti utili per assicurare la distanza di sicurezza interpersonale, come possono esserlo dei pannelli di protezione o diversi tipi di barriere. Nelle spese sono inclusi i costi per l’installazione.

LEGGI ANCHE -> Johnny lo Zingaro: il terrore degli anni ’80 non rientra dal permesso premio

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente che non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

Siamo una realtà indipendente
che
non riceve nessun tipo
di finanziamento.
Aiutaci a realizzare il nostro sogno,
dona anche tu

futuranews

Iscriviti alla nostra Newsletter:
per te tante sorprese!